La BCC di Treviglio: una banca differente che fa del radicamento alla comunita’ la sua forza

  • BCC Treviglio

    Impresa

    Treviglio

Redazione

La Cassa Rurale di Treviglio fonda la propria generatività sul radicamento locale. L'idea è quella di un "Distretto del Bene Comune" all'interno del quale conciliare aspetti economici, sociali e culturali. Ciò che la caratterizza è proprio il tipo di sguardo: non limitato ad aspetti tecnici, ma aperto alla comunità circostante.

La Cassa Rurale di Treviglio nasce nel 1893 nel solco del grande cambiamento sociale e culturale ispirato dalla Rerum Novarum di Leone XIII che in quegli anni attraversa il nostro Paese. E' Mons. Ambrogio Portaluppi, allora canonico teologo della Collegiata in Treviglio, ad avviare forme sperimentali di mutualità, coinvolgendo alcuni piccoli contadini trevigliesi nella fondazione di una cassa rurale locale.

A fianco, altre due significative realizzazioni: il primo caso di affittanza collettiva cattolica - la Società dei Probi Contadini di Castel Cerreto e Battaglie - e una società edificatrice, la SECO, ancora oggi attiva. L'istituto trevigliese ha saputo, nel corso di questo secolo, crescere nel solco degli insegnamenti di Portaluppi, fondando la propria identità nel radicamento locale e realizzando la propria mission nella promozione non solo economica, ma anche sociale e culturale della popolazione.

L'attenzione al bene comune - espressa dal concetto di "Distretto del Bene Comune" - è prioritaria e le scelte della BCC trevigliese - sia rispetto alla struttura interna che in relazione alla vita della comunità locale - ne danno conferma. Nel 2000 viene pubblicato il primo bilancio sociale; nel 2004 è costituito il Comitato Etico; nel 2005 è istituita la Fondazione Cassa Rurale di Treviglio, non mancano l'apertura di una Casa del Socio e uno sportello per i giovani e le famiglie aperto anche al sabato mattina che ha ricevuto importanti riconoscimenti a livello europeo.

La banca non cessa di distinguersi per la molteplicità di iniziative a favore della società civile e delle fasce più deboli della popolazione. Notevole l'impegno sul fronte dell'housing sociale e nel supporto alle realtà associative e di volontariato di natura socio-assistenziale, alla cura dei beni artistici, allo sviluppo di proposte culturali, alla formazione (significativa è la collaborazione con l'Università di Bergamo la quale utilizza a scopi didattici i locali messi a disposizione della BCC). Puntuali le azioni di solidarietà a livello nazionale ed internazionale.

www.cassarurale-treviglio.it

Video a cura di Francesco Cremonesi, master in giornalismo, ALMED, Università Cattolica di Milano.

Multimedia

Allegati