A4273030 78Fa 400D 8Aa3 20439Ed34910 Xl
28 Agosto Ago 2017 1038 2 months ago

Social Street: dal virtuale al reale al virtuoso

Di

www.socialstreet.it

Da http://www.socialstreet.it/

L’idea di “Social Street” ha origine dall’esperienza, iniziata nel Settembre 2013, del gruppo facebook “Residenti in Via Fondazza – Bologna”, gruppo nato dalla constatazione dell’impoverimento generale dei rapporti sociali. Tale impoverimento ha comportato senso di solitudine e perdita del senso di appartenenza con conseguente degrado urbano e mancanza di controllo sociale del territorio.

Scopo di Social Street è quello di favorire le pratiche di buon vicinato, socializzare con i vicini della propria strada di residenza al fine di instaurare un legame, condividere necessità, scambiarsi professionalità, conoscenze, portare avanti progetti collettivi di interesse comune e trarre quindi tutti i benefici derivanti da una maggiore interazione sociale.

Punti di forza

Possiamo osservare che le principali caratteristiche che hanno probabilmente marcato il successo di Social Street (per lo meno in termini quantitativi), sono rappresentate da:

Facebook –> utilizzo di un social network quale FB di largo e gratuito utilizzo. Utilizzo non fine a se stesso ma quale facilitatore del passaggio dal “virtuale al reale”. La scelta di utilizzare gruppi “chiusi” permette di meglio gestire i comportamenti devianti dai nostri principi incluso l’utilizzo per scopi commerciali, politici (vedere anche sotto Linee guida).

Territorialità –> la decisione di limitare i singoli gruppi FB ad un territorio circoscritto e a dimensioni ridotte dove il passaggio dal virtuale al reale può avvenire molto facilmente. La scelta territoriale risulta elemento aggregante favorendo la destrutturazione di tutte le altre categorie in cui le persone normalmente si riconoscono (classi sociali, interessi, età, appartenenze politiche, religiose, provenienza).

Gratuità –> sia a livello degli scambi interni (esclusione del “do ut des” favorendo la cultura del dono), sia a livello di macro struttura essendo Social Street un modello “completamente indipendente”.

Non struttura –> ogni singolo gruppo può agire come meglio crede per riattivare i rapporti sociali tenendo conto delle peculiarità del proprio territorio, sempre nel rispetto delle linee guida.

Inclusione –> importante la scelta di concentrarsi su tutto quanto unisce le persone (escludendo ciò che divide), di essere propositivi anche di fronte alle critiche più dure, non accettare l’essere contro senza l’essere costruttivi, l’esclusione di linguaggi non accettabili da tutti i componenti del gruppo.

Anche per quanto già detto, l’esclusione di qualsiasi aspetto economico/ politico/giuridico, si è rivelato l’aspetto innovativo caratterizzante questa esperienza, differenziandola in maniera marcata da tutte le altre (associazioni, comitati, ecc); l’aver proseguito su questa strada, ha costituito un ulteriore forte motivo di interesse generale.

Questi elementi sono risultati, seppure a posteriori, fondamentali e vincenti. Gli oltre 450 gruppi nati in Italia ed all’estero che si rifanno al modello socialstreet, sono la dimostrazione del bisogno latente di una socialità soprattutto non finalizzata ed indipendente da qualsiasi aspetto economico e politico.

Nel perseguire qualsiasi progetto, è fondamentale aver ben chiaro l’obiettivo primario e perseguirlo costantemente senza deviazioni.

SOCIALITÀ – GRATUITÀ – INCLUSIONE rappresentano i nostri tre principi fondanti: qualsiasi azione nell’ambito di Socialstreet, sia a livello Virtuale che Reale, deve rispettarli per poter favorire comportamenti Virtuosi.

Endorsments

L’interesse dimostrato anche dal mondo accademico sembra supportare tale analisi. Oltre alle decine di tesi di laurea e ricerche che vanno dal campo psicologico, antropologico, sociologico, economico a quello urbanistico, questa esperienza sta ricevendo riconoscimenti anche da parte di studiosi di fama internazionale:

Prof. Anthony Giddens (sociologist, professor and former director of London School of Economics)
Prof. Marc Augé (anthropologist, former director Ecolé des études en Sciences Sociales di Parigi)
Prof. Pierpaolo Donati (professor of sociology at University of Bologna)
Prof. Stefano Zamagni (professor of economics at University of Bologna)
Prof. Anna Cossetta (sociologist, University of Genova)
Prof. Jacques T. Godbout (professeur émérite en sociologie Université du Québec)
Mr. Rob Hopkins (founder of Transition Town)
Prof. Piero Formica (Innovation Value Institute, Maynooth University,Ireland)
Prof. Robert D. Putnam (Professor of Public Policy at the Harvard University)